pizza delivery in HONG KONG

13 contenuti / 0 new
Ultimo contenuto
Offline
Iscritto: 08/03/2010
pizza delivery in HONG KONG

I have the project to start a pizza delivery business in Hong Kong. I am looking for a pizzaiolo with experience and who can make a real italian pizza !

Offline
Iscritto: 08/03/2010
pizza delivery in HONG KONG

where exactly in hong kong

Offline
Iscritto: 08/03/2010
pizza delivery in HONG KONG

I' m fabio I'm pizzamaker in this moment i'm work in sydney in a busy italian restaurant i have experience and i around the world with this work England German Spain Australia Barbados but i want do invewstement in China.I want open italia deli caffe pasta pizza salad ice cream, but i need other people that know the chinese menthality and law
bye fabio

Offline
Iscritto: 08/03/2010
pizza delivery in HONG KONG

Pabio presumo che tu sappia l'italiano  ,vorrei chiederti com'è fare il pizzaiolo all'estero?

Offline
Iscritto: 08/03/2010
pizza delivery in HONG KONG

E' totalmente differente che farlo in Italia dove oramai lavori con alcuni generi di persone che non hanno nessuna passione per la pizza conseguenzialmente rovinando questo prodotto artigianle conosciuto a livello mondiale.
Il lavoro all'estero e' entusiasmante perche' e' una soddisfazione poter realizzare un prodotto nato in italia in modo quasi simile nell'altra parte dell'emisfero.I clienti apprezzanno e a volte anche i datori di lavoro i quali li ho trovati molto piu morbidi e soprattutto rispettosi nei confronti della figura del pizza chef.
In secondo luogo e' da considerare l'esperienza personale incontro di nuove persone e quindi crescita personale sotto moltii aspetti.Ora ti saluto e ti auguro un HAVE NICE WEEK END
BYE FABIO

Offline
Iscritto: 08/03/2010
lavorare all'estero è diverso

Dico la mia anche se non da esperto .

Lavorare all'estero, nell'ambito della cucina, è bello perchè trovi persone (clienti)  interessati anche a capire le tradizioni italiane, il perchè ed il PER COME...e poi mi sembrano tutti meno stressati.
Fosse anche che ti metti semplicemente a fare un piatto di pasta, c'è sempre qualcosa da dire e da fare.
Sarà anche che mi sbaglio ma a me in Italia, ho l'impressione che siamo tutti un pò stressati. Mentre si scopre che in molti paesi tra cui gli stessi Stati Uniti si cerca di ritornare per quanto possibile alla riscoperta di sapori, slow food ecc... che cosa facciamo ?
Porto l'immagine di Bologna e dintorni e magari mi sbaglio.....
Siamo inflazionati da BARETTI e BARETTINI con panini e tramezzini sciapiti che vanno da 2,5 a 5 euro l'uno, con la maionese e una fetta di salame passata e rimossa solo per lasciarci dentro l'odore. Spendiamo 9 euro per sperare di sederci in un angolo e mangiarci l'insalatina con 3 foglie e un bicchiere di coca cola e poi e poi...proprio quelli che vedo fare le marce NO GLOBAL, sono ogni giorno in quei BARETTINI !
8-9 euro...ma siamo veramente impazziti per 2 foglie di insalata...???

Lo so, la questione non è che si risolve con una protesta di 2 righe e sono varie le motivazioni che hanno portato a questo risultato...però...lavorare all'estero è TOTALMENTE diverso.

Inoltre TANTO DI CAPPELLO a chi difende la tradizione anche in Italia e deve lottare contro tanti avvoltoi e tanto malcostume nel mangiare.

Come al solito siamo 20 anni indietro, e andiamo avanti cercando di copiare quello che da altre parti non si fa più !

Ciao






Offline
Iscritto: 08/03/2010
lavorare all'estero è diverso

Fabio permettimi la domanda per pizza chef cosa si intende?
Quale è la difficolta maggiore che ai trovato quando hai deciso di andare
a lavorare all'estero?e cosa consiglieresti ad un pizzaiolo che decidesse di lavorare all'estero?
ciao
Manuel

Offline
Iscritto: 08/03/2010
lavorare all'estero è diverso

Se aspetti di avere il contratto dall'italia difficilmente puoi andare a lavorare in posti come Australia o America perche' conviene andare direttamnte sul posto e chiedere lavoro facendo una prova.Dopo sta a te vedere come ti trovi in questo posto e offrire tutto il tuo bagaglio professionale in quanto se poi vuoi restare in questi posti hai bisogno di un permesso di lavoro che solo il boss ti puo'fare.
Comunque sta tutto in un unica parola adattabilita'.
Ti consiglio come prima tappa england per almeno 6 mesi trovi lavoro facilmente soprattutto oltre alle pizze devi saper fare nache la pasta ed avere knife skills cioe' usare bene il coltello per il taglio perche' all'estero difficilmente trovi una pizzeria che fa 100 pizze tutte le sere quelle che ho girato io o per sentito dire girano su 50 60 pizze di medie a sera quindi il pizzaiolo oltre a preparare la pasta il banco di lavoro se non ha ulteriori skills(competenze) devi fare o pasta chef o kitchenhand(aiuto cucina) taglio verdure preparazione di piatti ecc.
Questa e' quello che ho visto in giro io quindfi non volgio essere assolutamente legge per chi ha avuto esperienze all'estero o si trova all'estero e mi scuso anticipatamente se ho offeso qualcuno.
Per quanto riguarda il significato di pizza chef e' il cuoco che cucina la pizza, all'estero ci sono varie figure che sono specializzate in un settore infatti troverai diversi annunci che cercano Pasta chef, salad chef ecc.
Se vuoi partire per l'estero secondo me vai in Inghilterra perche' li aumenti il tuo inglese fai esperienza e se ti rompi ill biglietto di ritorno te lo paghi con 10 euro con easy jet o ryanair.ciao

Offline
Iscritto: 08/03/2010
lavorare all'estero è diverso

Io vivo all'estero da oltre 5 anni e sono d'accordo con chi dice che e' una bella esperienza. Detto questo non generalizzerei e soprattutto non mi lascerei andare all'abitudine tutta italiana di denigrare tutto cio che e' in Italia.

Personalmente vivendo a Londra credo che la qualita' della ristorazione in Italia sia infinitamente superiore specialmente in rapporto al presso.
Credo che anche nel nostro Paese ci siano moltissimi professionisti che tengono alta la qualita' dei nostri prodotti e all'estero sono molti quelli che guardano all'italia come esempio.

Offline
Iscritto: 08/03/2010
pizza delivery in HONG KONG

xfabio(monitorweb)
Ciao fabio vorrei sapere una cosa da te:
Qual'e' la citta migliore in cina x poter avviare un locale del genere?
Meglio una grande capitale od una citta' relativamente piu' piccola?
ciao gabriele

Offline
Iscritto: 08/03/2010
pizza delivery in HONG KONG

Ci sono una quantita non definibile da me che supera il milione da abitandi soprattutto nella costa dove industrie di tutti i tipi attirano sia le multinazionali stranieri sia persone dall'interno della cina, e aspettando qualche anno i cinesi diventerranno come i giapponesi vorranno essere invasi da prodotti made in itay per assomigliare sempre di piu agli europei pensa che ci sono migliaia di centri che operano gli occhi dei cinesi che desiderano assomigliare sempre di piu agli europei.
ciao

Ritratto di visualdrome
Offline
Iscritto: 08/03/2010
pizza delivery in HONG KONG

Hi
I`m Fabrizio
now I`m working in England
but I have some problem:
the staff is not professional
and lot of products in my pizza restaurant
are expireds.
The last year I worked in Seoul (SouthKorea)
and before in French Riviere
and Italy.
I`d like to come in HongKong to make good pizza.
Please contact me at banalik@hotmail.com
or 0039 3284258851

Offline
Iscritto: 06/07/2019
They have a salads with

They have a salads with lettuce? I want!)