“LECCE PIZZA VILLAGE” , la IV° edizione dal 1 al 5 agosto

Dieci forni a legna e quaranta pizzaioli, salentini e napoletani. Forum tematici e Musica Live con prestigiosi ospiti

Gli stand apriranno oggi 1 agosto, alle ore 19,00 e l'ingresso è gratuito.

La manifestazione, giunta alla quarta edizione, si svolgerà in piazza Mazzini e vuole essere un' omaggio alla pizza margherita e alla pizza marinara, preparate per l'occasione da oltre 40 pizzaioli napoletani e salentini.

Saranno 5 giornate all'insegna della bontà e del divertimento con musica live ed ospiti prestigiosi, ma anche della cultura con forum tematici che avranno come oggetto la pizza.



Comunicato stampa

“Lecce Pizza Village” torna puntuale ad inebriare di odori e sapori piazza Mazzini a Lecce.

Da oggi fino a domenica 5 Agosto, oltre 40 pizzaioli salentini e napoletani si alterneranno dietro 10 forni a legna.

Circa 1200 i posti a sedere dislocati in piazza per l’occasione e ogni serata sarà animata da dj set e concerti.

Le specialità da degustare (e giudicare) ogni sera saranno due, la pizza margherita e la pizza marinara, realizzate dai migliori professionisti del Sud Italia, rigorosamente con ingredienti di prima qualità.

Organizzata per il quarto anno consecutivo dall’agenzia Eventi Marketing & Communication di Carmine Notaro con il patrocinio del Comune di Lecce e di Confcommercio Lecce, la manifestazione quest’anno vedrà protagonista il gruppo dei Maestri pizzaioli gourmet salentini (Mpgs) di Confcommercio Lecce, guidati da Marco Paladini, insieme ai maestri del Master Pizza & Street Food Vesuviano guidati da Luigi Pirozzi.

A loro si aggiungono otto pizzaioli professionisti del Molino Polselli, uno dei più importanti molini Italiani e main sponsor dell'evento per le farine.

La rassegna è realizzata anche con il sostegno del Gruppo Peroni.

Già nelle prime tre edizioni, il Lecce Pizza Village si è rivelato uno straordinario 

attrattore turistico registrando oltre 30mila visitatori nelle cinque serate. «Siamo pronti per questo ‘abbraccio’ con i colleghi napoletani, sarà un momento di scambio culturale fra tradizioni diverse e un’occasione di promozione importante per la nostra pizza di qualità»,

sottolinea Marco Paladini, responsabile del gruppo Mpgs (Maestri pizzaioli gourmet salentini) di Confcommercio Lecce che sarà presentato ufficialmente nella serata dell’1 Agosto.

Poi spiega: «Daremo vita ad un laboratorio artigianale a cielo aperto, nel cuore della città, per far conoscere ai turisti e ai visitatori una nostra eccellenza gastronomica.

Creeremo un impasto molto leggero, a breve-media maturazione, facilmente lavorabile e altamente digeribile, utilizzando farina del Molino Polselli, azienda molto attenta alla selezione delle farine con grani italiani.

Proporremo due specialità: la pizza margherita con pomodoro e fior di latte Deliziosa, l’unica mozzarella a marchio Qualità Puglia  prodotta dall’azienda di Noci, e la marinara con pomodoro, origano mediterraneo, aglio fresco e olio extravergine.

Ringrazio Eventi, agenzia leader da oltre 15 anni nell’organizzazione di grandi manifestazioni per il settore del food di qualità, per averci voluto coinvolgere in questo  entusiasmante progetto, e i colleghi che ci hanno preceduto nelle scorse edizioni».

Ogni sera, inoltre, la manifestazione ospiterà forum tematici per spiegare al pubblico e agli addetti ai lavori le differenze riguardanti il tipo di impasto e di lavorazione, nonché di cottura (molto veloce per la pizza napoletana, più lenta e blanda per quella salentina).

Anche la musica sarà protagonista ogni sera con dj set (dalle ore 19) e concerti gratuiti (dalle 22) di alcuni dei più noti artisti del panorama pugliese.

L’1 agosto, protagonista nell’area live sarà la musica popolare salentina con la voce potente e magnetica di Emanuela Gabrieli insieme alla Piccola Orchestra Salentina che vede schierati Carlo "Canaglia" De Pascali (voce e tamburi), Giacomo Filippo Casciaro (voce, mandola, fiati), Angelo Surdo (fisarmonica e organetto), Ippazio Patrik Rizzello (voce e chitarra), Moana Casciaro (danza).

Atteso ospite di questa quarta edizione è il maestro MARCO FUSO, 38 anni, leccese trapiantato a Londra: nel 2017 è stato eletto “Miglior pizzaiolo dell’anno” in Gran Bretagna (vincitore assoluto della competizione organizzata dall’Associazione italiana in Gran Bretagna “Papa - Pizza and Pasta Association”, che ha visto sfidarsi 100 pizzaioli su 6 categorie).

Fuso sarà presente per tre giorni (3-4 e 5 agosto) con alcuni workshop sulla sua arte in prima serata per poi far degustare le sue specialità al grande pubblico.

Fra le altre novità di quest’anno, la presentazione in esclusiva di uno speciale contenitore per la pizza realizzato in pura cellulosa con lo scopo di non alterare il prodotto durante il trasporto. Ulteriori dettagli saranno svelati nel corso della manifestazione.

Ogni sera, inoltre, si terranno forum tematici per spiegare al pubblico e agli addetti ai lavori le differenze riguardanti il tipo di impasto e di lavorazione, nonché di cottura (molto veloce per la pizza napoletana, più lenta e blanda per quella salentina).

L’ingresso è gratuito. 

Stand aperti dalle ore 19 (inizio concerti e spettacoli, ore 21). 

Info e aggiornamenti sulla pagina Facebook “Lecce Pizza Village”.

AREA LIVE 

– 1 AGOSTO 

EMANUELA GABRIELI E "LA PICCOLA ORCHESTRA SALENTINA" 

Emanuela Gabrieli è cantante e attrice, per sei anni voce solista dell'Orchestra Popolare 

"La Notte della Taranta" ha condiviso il palco con Noa, Pieru Pelù, Beppe Servillo, diretta da Ambrogio Sparagna e Mauro Pagani.

Continua il suo percorso artistico tra musica e teatro, partecipando a numerosi festival internazionali e calcando i palcoscenici più prestigiosi.

Voce calda dal timbro potente, Emanuela si avvale della collaborazione di artisti salentini che da anni calcano prestigiosi palchi come Carlo De Pascali,

in arte “Canaglia”, che da molti anni calca numerose scene dello spettacolo grazie alle sue indiscusse doti di “tamburellista”.

Carlo “Canaglia” da anni è un orchestrale della ormai affermata Orchestra della Notte della Taranta ed ha avuto l’onore di condividere il 

palco con i maggiori esponenti della riscoperta della musica etnica mediterranea, da Ambrogio Sparagna e Ludovico Einaudi fino a Mauro Pagani.

L'idea di “suonare” la tradizione si miscela con la voglia di offrire al pubblico nuove forme di espressione musicale fondendo all’interno di 

quei brani che più hanno reso celebre il fenomeno della riscoperta dei canti popolari con ritmiche più moderne e contemporanee,

offrendo un risultato d’impatto e coinvolgente.

Lo spettacolo che propongono spazia dalla festosa pizzica pizzica, ai coinvolgenti canti d’amore.

La formazione:

Emanuela Gabrieli: Voce e tamburello

Carlo "Canaglia": Voce, Tamburi; 

Giacomo Filippo Casciaro: Voce, Mandola, Fiati; 

Angelo Surdo: Fisarmonica e Organetto; 

Ippazio Patrik Rizzello: Voce, Chitarra: 

Moana Casciaro: Danza



I PROSSIMI LIVE DI “LECCE PIZZA VILLAGE” - (INGRESSO GRATUITO)



Il 2 agosto, spazio alla band Cafè Chinaski che proporrà un repertorio di inediti accompagnati da un omaggio al cantautorato italiano (Dalla, De Gregori, Mannarino, Gaetano, Bandabardò), riarrangiando il tutto in chiave folk, raggae e balkan.

Il 3 agosto, doppio appuntamento con la musica live: in apertura, il cantautore leccese Stefano Nuzzone e la sua band e, a seguire, il concerto di Havana Trio (Davide Sergi, Giordano Profico e Mario Esposito) con un repertorio che ripercorre 40 anni di cantautorato italiano attraverso musiche, aneddoti e racconti.

E ancora, il 4 agosto, spazio alla canzone d’autore con Emanuela Gabrieli (voce),Marco Rollo (piano) e Antonio Marra (batteria) per la prima volta insieme nel progetto “Forse è colpa della musica”; infine il 5 agosto, gran finale con il gruppo Accasaccio: il loro sound è un mix di patchanka e folk, caratterizzato da una forte energia e da un grande impatto scenico; il repertorio spazia dal cantautorato italiano alla musica folkloristica salentina,il tutto però rivisitato in chiave originale per uno spettacolo tutto da ballare.

Con il loro primo inedito, "Un calice al cielo", si stanno facendo apprezzare anche fuori i confini pugliesi.