Riconoscimento della professione e qualifica dei pizzaioli

Al Senato, il 21 giugno 2016, è stata una giornata storica per i pizzaioli professionisti.

Riconoscere la qualifica di pizzaiolo professionista e creazione di un albo nazionale. Primo firmatario del Ddl è stato il Senatore Bartolomeo Amidei (VIDEO Senatore Amidei), successivamente sottoscritto da altri 22 senatori e depositato alla commissione Industria di Palazzo Madama.

(Umberto Bachetti di Pizza.it e la relatrice del Ddl, Senatrice Paola Pelino)

Il provvedimento, che si compone di dieci articoli, prevede che il riconoscimento della qualifica spetti a chi consegue un diploma rilasciato da associazioni di categoria dopo una verifica teorico-pratica basata su 120 ore di corso. L’iscrizione all’Albo nazionale dei pizzaioli professionisti diviene condizione necessaria per l’esercizio dell’attività.Dietro una pizza c’è un grande lavoro e una seria professionalità“, ha spiegato Amidei nel corso di una conferenza stampa nella sala Nassiriya del Senato. “Il ddl serve a dare giustizia a chi svolge questa professione che va valorizzata e riconosciuta -ha aggiunto- perché la pizza è un prodotto made in Italy tra i più conosciuti al mondo che va tutelato“.

Realatrice del Ddl è stata la Senatrice Paola Pelino ( VIDEO Senatrice Polino) che tra le altre cose ha dichiarato:

“Sostengo il disegno di legge perché è un fatto di giustizia. La professione di pizzaiolo è stata tenuta fino a oggi in secondo piano, quasi a figura folkloristica a scapito della professionalità. Cominceremo un ciclo di audizioni una volta esaurito il ddl Concorrenza, l’obiettivo è far diventare legge il testo entro l’anno“.

Pizza.it School, i rappresentanti di altre scuole e, soprattutto, molte associazioni di categoria oggi si sono radunate a Roma per raggiungere un obiettivo comune, senza personalismi, e arrivare al riconoscimento legislativo di questa importante qualifica professionale.

Oggi la professione ha acquisito prestigio ma è un orgoglio limitato dal fatto che ancora non è riconosciuta con un Albo” ha dichiarato Evandro Taddei (A.P.A), relatore insieme ad Antonio Pace (AVPN)(AVPN), Alfredo Folliero (UPTR), Maria Teresa Bandera (APES), Giuseppe Longo (CIP) e Franco Venni (ARCO).
Il pizzaiolo è un artista, un artigiano che deve avere una qualifica, mentre la fama se la intestano in tanti senza averne i requisiti. Per questo il settore va regolamentato“, ha tenuto a specificare Giuseppe Longo.

Il Ddl 2280 ripropone per i pizzaioli, in 10 articoli, l’iter classico degli ordini professionali “classici”, a partire dal “riconoscimento della qualifica” a chiunque, previa verifica teorica pratica della professionalità acquisita davanti ad apposita commissione di esperti, consegua un diploma di competenza rilasciato esclusivamente dalle associazioni riconosciute dal Mise e dal Comitato nazionale pizzaioli, e iscrizione all’ ‘A.p.p., l’Albo professionale dei pizzaioli. Riconoscimento “di diritto” invece per i maestri pizzaioli, ovvero chi esercitata la professione da almeno 10 anni o dirige equipe con almeno quattro aiuto-pizzaiolo.

Diploma dopo prova teorico-pratica e 18 mesi di professione
L’articolo 2 dettaglia i requisiti per lo stesso diploma: esercizio della professione da almeno 18 mesi, superamento della prova di teoria e pratica (con obbligo di aggiornamento ogni 5 anni), almeno 120 ore di formazione professionale (con pratica di laboratorio, lingue straniere, scienza dell’alimentazione e basi di igiene).

 

 

 

 

Dalle pizzerie proviene il 50% fatturato dalla ristorazione.
In Italia una pizzeria sforna  mediamente 80 pizze al giorno, che moltiplicate per il numero delle pizzerie presenti sul territorio, diventano 4 milioni al dì.

Da italiani abbiamo la responsabilità di difendere il made in Italy: oggi in Italia circa 100mila persone `fanno pizza´, con gli aiuto-pizzaioli arriviamo a 150mila”.

Hanno caratterizzato la chiusura dei lavori i visi soddisfatti dei partecipanti:

UMBERTO BACHETTI ( Pizza.it School)
MARIA TERESA BANDERA (Apes)
ANTONIO PACE (Avpn)
ALFREDO FOLLIERO (Ueptr)
WALTER BOTRUGNO (Anpir)
BRUNO SGANGA (Api)
CARMINE COVIELLO ( Apn)
PINO LONGO (Cip)
EVANDRO TADDEI (Apa)
FRANCO VENNI (ARCO associazione consumatori)
MASSIMO PUGGIONI e DAVID MANDOLIN (Pizza New)

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ho letto e accetto le condizioni sulla privacy come da pagina interna del sito.

Nessun commento presente

Altri articoli

8 milioni di pizze al giorno. Cresce il consumo in casa

Otto milioni di pizza al giorno al giorno e altri numeri da capogiro. Se è vero, come afferma uno studio della CNA, che il consumo medio procapite è quasi...

Continua

Briatore e la pizza. Tensione con i pizzaioli dopo l’ultima polemica sul prezzo di vendita

“La pizza a 4 euro? Si vede che San Gennaro li aiuta a pagare i fitti, i contributi.” Dopo le polemiche innescate da Briatore arriva la risposta...

Continua

TUTTOPIZZA-A NAPOLI LA FIERA DEDICATA ALLA PIZZA

LA FIERA DOVE LA PIZZA E’ PROTAGONISTA. L’EVENTO SI SVOLGERA’ ALLA MOSTRA D’OLTREMARE DI NAPOLI DAL 23 AL 25 MAGGIO. PIZZA.IT E’...

Continua
Leggi tutti le notizie

Ultimi annunci

Offro Lavoro
Salve, cerco un pizzaiolo in Germania. Forno elettrico, pizza romana, con esperienza. Media pizze 80/100 , vitto e alloggio, 2000 euro. 351.8821833
26/11/2022

Vuoi aprire una pizzeria?

Se coltivate il sogno di aprire un vostro locale, Pizza.it è pronta ad assisterVi con tutta la sua esperienza mettendo a Vostra disposizione professionisti ed esperti del settore.
Il servizio è gratuito e comincia con l’invio di un semplice form nel quale avete l’occasione di spiegare vincoli ed obiettivi del vostro progetto.