Riconoscimento della professione e la qualifica di pizzaiolo

Giornata storica ieri in Senato per i pizzaioli italiani

(Video)È il Senatore Bartolomeo Amidei, successivamente sottoscritto da altri 22 senatori e depositato alla commissione Industria di Palazzo Madama, il primo firmatario del Ddl con il quale si vuole Riconoscere la qualifica di pizzaiolo professionista e dare vita ad un albo nazionale.

Il provvedimento, che si compone di dieci articoli, prevede che il riconoscimento della qualifica spetti a chi consegua un diploma rilasciato da associazioni di categoria dopo una verifica teorico-pratica basata su 120 ore di corso. L’iscrizione all’albo nazionale dei pizzaioli professionisti diviene condizione necessaria per l’esercizio dell’attività.

“Dietro una pizza c’è un grande lavoro e una seria professionalità”, ha spiegato Amidei nel corso di una conferenza stampa nella sala Nassiriya del Senato. “Il ddl serve a dare giustizia a chi svolge questa professione che va valorizzata e riconosciuta -ha aggiunto perché la pizza è un prodotto made in Italy tra i più conosciuti al mondo cbe va tutelato”.
Realatrice del Ddl è stata la Senatrice Paola Pelino che tra le altre cose ha dichiarato:

“Sostengo il disegno di legge perché è un fatto di giustizia. La professione di pizzaiolo è stata tenuta fino a oggi in secondo piano, quasi a figura folkloristica a scapito della professionalità. Cominceremo un ciclo di audizioni una volta esaurito il ddl Concorrenza, l’obiettivo è far diventare legge il testo entro l’anno”.
Pizza.it School, i rappresentanti di altre scuole e, soprattutto, molte associazioni di categoria oggi si sono radunate a Roma per raggiungere un obiettivo comune, senza personalismi, e arrivare al riconoscimento legistativo di questa importante qualifica professionale.

“Oggi la professione ha acquisito prestigio ma è un orgoglio limitato dal fatto che ancora non è riconosciuta con un Albo” ha dichiarato Evandro Taddei, relatore insieme ad Antonio Pace, Alfredo Folliero, Maria Teresa Bandera e Giuseppe Longo.
Il pizzaiolo è un artista, un artigiano che deve avere una qualifica, mentre la fama se la intestano in tanti senza averne i requisiti. Per questo il settore va regolamentato”, ha tenuto a specificare Giuseppe Longo.

Il ddl 2280 ripropone per i pizzaioli, in 10 articoli, l’iter classico degli ordini professionali “classici”, a partire dal “riconoscimento della qualifica” a chiunque, previa «verifica teorica pratica della professionalità acquisita» davanti ad apposita commissione di esperti, consegua un «diploma di competenza rilasciato esclusivamente dalle associazioni» riconosciute dal Mise e dal Comitato nazionale pizzaioli, e iscrizione all’ ‘A.p.p., l’Albo professionale dei pizzaioli.

Riconoscimento «di diritto» invece per i maestri pizzaioli, ovvero chi esercitata la professione da almeno 10 anni o dirige equipe con almeno quattro aiuto-pizzaiolo.

 

Diploma dopo prova teorico-pratica e 18 mesi di professione
L’articolo 2 dettaglia i requisiti per lo stesso diploma: esercizio della professione da almeno 18 mesi, superamento della prova di teoria e pratica (con obbligo di aggiornamento ogni 5 anni), almeno 120 ore di formazione professionale (con pratica di laboratorio, lingue straniere, scienza dell’alimentazione e basi di igiene).

Amidei: da pizzerie 50% fatturato ristorazione
L’iscrizione all’ordine non è uno scherzo, ma condizione per infornare la specialità partenopea «con la qualifica di pizzaiolo professionista», e per «utilizzare marchi o insegne» in cui ricorrano riferimenti alla professione. Paletti che appaiono aridi e burocratici per chi ama la “Quattro stagioni” o la “Margherita” dimenticandosi del giro d’affari che hanno alle spalle. Ogni giorno, ricorda la relazione al ddl, ogni pizzeria in Italia sforna una media di 80 pizze, 4 milioni al giorno da Nord a Sud. «Da italiani – sottolinea Amidei – abbiamo la responsabilità di difendere il made in Italy: oggi in Italia circa 100mila persone `fanno pizza´, con gli aiuto-pizzaioli arriviamo a 150mila. Le pizzerie rappresentano il 50% del fatturato totale della ristorazione».

 

Altri articoli

La tappa napoletana del Coca Cola PizzaVillage@Home.

La seconda tappa del Coca Cola PizzaVillage@Home si è svolta a Napoli e, come  prevedibile, ha riscosso un notevole successo, certificato dal pubblico accorso...

Continua

Offerte di lavoro: su Pizza.it le ultime per pizzaioli, cuochi e camerieri

Ci siamo; pizzerie ristoranti e chalet stanno scaldando i motori in vista della stagione estiva e come da prassi fioccano su Pizza.it le offerte di lavoro pe...

Continua

Il contest “Pizza talent show” in onda su Alma Tv dal 10 maggio

Ai nastri di partenza il contest Pizza Talent Show, la gara, che sarà trasmessa su Alma Tv, incoronerà la pizzeria dell’anno. Con un format da 15 puntat...

Continua

MAM 490, il primo forno rotante elettrico

MAM 490 ELETTRICO è il primo Forno elettrico Rotante con resistenze a margherita, a bocca aperta, costruito secondo le nuove tecnologie per una cottura perfett...

Continua

Pizza Hut non è fallita e non chiude le pizzerie. Ricorso al Chapter 11

Il coronavirus ha mietuto una vittima tra le eccellente delle catene di pizzerie in franchising, è infatti notizia di oggi che nel Texas Pizza Hut ha fatto ric...

Continua
Leggi tutti le notizie

Ultimi annunci

Vuoi aprire una pizzeria?

Se coltivate il sogno di aprire un vostro locale, Pizza.it è pronta ad assisterVi con tutta la sua esperienza mettendo a Vostra disposizione professionisti ed esperti del settore.
Il servizio è gratuito e comincia con l’invio di un semplice form nel quale avete l’occasione di spiegare vincoli ed obiettivi del vostro progetto.

I post dal forum

Pizza S.r.l. – Corso Cefalonia, 22 – 63900 Fermo (FM)
P.I. 01431900446 – tel. e fax +39 0734 671039

Copyright © 2021 Pizza.it All rights reserved.