Coldiretti propone la prima pizza Doc firmata da agricoltori

Scopo dell'iniziativa è combattere il falso made in Italy


Arriva la prima pizza Doc firmata dagli agricoltori che aiuterà a scoprire le false pizze made in Italy.
Quella che la Coldiretti ha definito l´”l´operazione verità” sul prodotto più consumato fuori casa dagli italiani, parte da Napoli, la capitale mondiale della pizza, dove domani, alle ore 10,00 presso il Grand Hotel Vesuvio, saranno preparate e messe a confronto una “vera” e una “finta” pizza italiane.
L´iniziativa, spiega la Coldiretti, nasce con l´obiettivo di “aiutare i cittadini a scegliere consapevolmente” e svelare “dal vivo gli inganni che troppo spesso si nascondono dietro la preparazione delle pizze vendute come italiane”.
Sono numerose, infatti, denuncia la Coldiretti, “le minacce che mettono a
rischio l´autenticità di un prodotto simbolo della cucina italiana che fonda il suo successo sul rispetto delle tradizioni e sul legame con il territorio”.
La prima pizza firmata dagli agricoltori, assicura Coldiretti, “garantisce l’origine nazionale di tutti gli ingredienti utilizzati oltre al rispetto del disciplinare per la pizza napoletana Sgt (specialità tradizione garantita)”, in corso di riconoscimento da parte dell’Unione europea.

Il disciplinare, ricorda l’associazione, “prevede, oltre agli imprescindibili pomodoro, mozzarella di bufala Dop o mozzarella Stg, olio extravergine d’oliva e origano, rigororosamente italiani, un diametro non superiore ai 35 centimetri, il bordo rialzato tra 1 e 2 centimetri e una consistenza insieme morbida, elastica e facilmente piegabile ‘a libretto'”.

Il costo degli ingredienti per la pizza ‘Doc’ firmata dagli agricoltori “rimane abbondantemente sotto i due euro”, e quindi, garantisce l’organizzazione, “non rende necessario alcun ritocco dei listini in pizzeria”.
La presentazione della pizza, firmata dagli agricoltori che ne garantiscono l´originalità degli ingredienti, avverrà nell´ambito del meeting dei direttori Coldiretti provenienti da tutte le regioni italiane con il presidente nazionale Sergio Marini.

ULTIM’ORA: La Fipe dice no alla pizza Doc della Coldiretti.
Secondo il presidente Fipe, Lino Enrico Stoppani, ognuno deve fare il proprio mestiere, anche per non aggiungere altra confusione al consumatore.

Lascia un commento

Nessun commento presente

Altri articoli

Il “Premio Nazionale al Merito Sociale 2024” a Umberto Bachetti, AD di Pizza.it

Umberto Bachetti è stato premiato alla 14ª edizione del “Premio Nazionale al merito sociale 2024” patrocinato dalla Presidenza del Consiglio...

Continua

Campionato del mondo di pizza 2024-Risultati e classifiche delle varie discipline

Per la categoria Pizza Classica l’ha spuntata su tutti la bergamasca Giulia Vicini della “Pizzeria Giuly”  di Castelli Celepio (Bg). La 31°...

Continua

Terremoto a L’Aquila: Pizza.it e i pizzaioli nelle tendopoli per 21 giorni ( foto e video)

Una vicenda che ha colpito anche l’universo della pizza, e che ha fatto scattare, anche in questo caso, la molla della solidarietà. Nella notte tra il 5...

Continua
Leggi tutti le notizie

Ultimi annunci

Cerco Lavoro
Ciao, sono pizzaiolo di Napoli ,con esperienza trentennale, serio,dinamico,e onesto. Sarei anche disponibile a trasferirmi purché mi si offra alloggio non condiviso. Accetto proposte serie 3444724127
15/06/2024
Offro Lavoro
L’azienda ristoratrice, affermata e consolidata nel sud della Francia, Per ampliamento di strutture nuove recluta à La Roque-sur-Cèze (30200), a 30 min della città di Avignon : Pizzaioli con esperienza e con buone referenze. Ottima retribuzione. vitto e alloggio. www.dei-sapori.com www.campinglescascades.com Aspettiamo i vostri CV sulla mail : g.ranzato@dei-sapori.com
15/06/2024
Offro Lavoro
Ristorante Pizzeria Seerose a St. Kanzian in Carinzia (Austria), non lontano da Tarvisio, cerca da fine giugno un Pizzaiolo da integrare agli altri 2. Si offre: 2100 Euro netti al mese in regola (con 13esima, 14esima e ferie) più premio di 400 euro a fine stagione. 5 giorni lavorativi per un totale di 48 ore. Camera singola con Bagno e Wi-Fi a 5 minuti a piedi di distanza. Contratto collettivo nazionale austriaco. Sarebbe preferibile ma non necessaria la conoscenza del tedesco o di un po’ di inglese. L’importante è però conoscere il lavoro. Se interessati chiamare al Sig. Horst
15/06/2024

Vuoi aprire una pizzeria?

Se coltivate il sogno di aprire un vostro locale, Pizza.it è pronta ad assisterVi con tutta la sua esperienza mettendo a Vostra disposizione professionisti ed esperti del settore.
Il servizio è gratuito e comincia con l’invio di un semplice form nel quale avete l’occasione di spiegare vincoli ed obiettivi del vostro progetto.

Translate »