Costantino Rozzi ospita i pizzaioli italiani nella sua tenuta

Un amico pizzaiolo ricorda l'ex presidente dell'Ascoli Calcio a 7 anni dalla sua scomparsa

Intervista al "maestro pizzaiolo" Enrico Pezza per ricordare Costantino Rozzi, che ospitò lui ed altri pizzaioli nella sua dimora di Cupra Marittima, in occasione di un convegno nazionale svoltosi nelle Marche.

Il 18 dicembre 2001, ricorre il 7° anniversario della scomparsa del mitico Costantino Rozzi.

Presidente dell'Ascoli Calcio per 26 anni, (14 campionati in serie A e 9 in serie B ) si distinse subito per la sua simpatia e caparbietà tipicamente ascolana.

Scaramantico come non mai, prima di ogni gara indossava i famosi calzini rossi, a suo dire, portafortuna.

Amato da tutta l 'Italia del pallone, e non solo, fu paladino e degno rappresentante delle cosiddette "squadre di provincia".

Il suo operato contribuì notevolmente a promuovere Ascoli Piceno città, con i suoi monumenti e le sue specialità gastronomiche ( Olive fritte all'Ascolana) e la regione Marche in genere.

Il suo modo di fare schietto, e senza "peli sulla lingua", fece la fortuna di trasmissioni televisive quali "Il processo di Biscardi", che conseguiva il record degli ascolti quando l'ospite era Costantino.

La sua scomparsa fu una grande perdita per tutto il calcio italiano e tuttora Costantino é rimpianto con sincera commozione.

Oggi fa sorridere sentire molti illustri giornalisti, gli stessi che lo criticavano e lo accusavano di vittimismo, sposare le cause che Costantino portava avanti contro lo strapotere delle grandi e dei soldi: battaglie contro i bilanci non veritieri, contro le troppe spese di gestione insufficienti a coprire gli incassi reali e che avrebbero portato il calcio al fallimento .... per non dire cosa pensasse di "certi" arbitri.

Questo per far capire quanto fosse passionale, battagliero e lungimirante il personaggio Costantino Rozzi.

Abbiamo voluto sentire, in occasione dell'anniversario della sua scomparsa, il famoso pizzaiolo Enrico Pezza, che insieme ad un centinaio di colleghi furono ospiti di Rozzi durante un convegno nazionale di pizzaioli che si stava svolgendo nelle Marche.

Allora Enrico: cosa ti ricordi dell'incontro con il vulcanico Costantino Rozzi?

A dire il vero in un primo momento ci restammo male: arrivammo presso la sua villa e di lui nessuna traccia.

Ma il mistero fu presto svelato, Costantino Rozzi ci stava aspettando presso le sue cantine di Villa Pigna dove, insieme ai suoi familiari, produceva un vino di qualità superiore.

Quando arrivammo ci venne incontro con un sorriso che ancora oggi non dimentico.

Sembrava volesse abbracciarci tutti.

" Mò ve facce prevà lu vì bbuone "

( "ora vi farò assaggiare del buon vino") furono le sue prime parole in dialetto ascolano, e inizio a dare pacche sulle spalle a tutti .

La sua simpatia coinvolse tutti noi pizzaioli ; e lui era proprio come lo vedevamo in televisione: tutto cuore e grinta.

E poi?

Ci accompagnò all'interno dello stabile dove aveva fatto imbandire una tavolata di prodotti tipici accompagnati dal Rosso Piceno Superiore .

A dire il vero si soffermò poco tempo a presentare le specialità, perchè spostò i suoi discorsi verso il suo più grande amore: l'Ascoli Calcio.

Più parlava dell'Ascoli più si trasformava; smise i panni del padrone di casa ed indossò quelli di un'ultrà bianconero.

Alla fine eravamo diventati tutti tifosi dell'Ascoli.

La visita finì lì?

No, la sera organizzò per noi una cena presso la sua villa di Cupramarittima.

Fummo serviti e riveriti come ospiti di riguardo.

Al momento di ripartire fece omaggio ad ognuno di noi di una confezione contenente i suoi pregiatissimi vini, ma soprattutto ricordo con piacere come ci salutò uno ad uno.

Sembravamo i suoi amici di sempre! Non dimenticherò mai quella giornata!

Enrico, ricorre l'anniversario della scomparsa di Costantino, credi esista un personaggio come lui nel mondo del calcio attuale?

Non scherziamo: Costantino era unico! Ora però una domanda ora vorrei farvela io:

di solito mi chiamano per avere notizie o informazione sulla pizza e mai avrei pensato di dover parlare di Costantino Rozzi,come vi è venuto in mente di farmi un'intervista del genere?



Semplice Enrico: noi di www.pizza.it , come il resto degli italiani, amavamo Costantino come persona: ed il suo ricordo sarà per sempre nei nostri cuori.

Grazie presidente!!

Umberto Bachetti

Costantino Rozzi nel suo stadio





Da sinistra: Goa Bachetti, Enrico Pezza (Istruttore Pizzaiolo),

Roberto Morello (Direttore Confesercenti), Patrizia Muzi,

Umberto Bachetti (Direttore Resp. www.pizza.it).



Siti e pagine dedicate a Costantino Rozzi