Gli italiani preferiscono l’olio Dop

Cresce il consumo di olio extravergine di oliva di origine protetta. Soprattutto nelle regioni del Nord Italia, l’olio Dop guadagna sempre più la fiducia del pubblico.

Agli italiani, soprattutto a quelli residenti nelle regioni del Nord, l’olio Dop piace sempre di più. È questo il dato – piuttosto sorprendente – che è emerso da una recente indagine elaborata da Unaprol su dati Iri Infoscan relativi all’anno 2007.
Partiamo dalle cifre: le vendite di oli con il bollino dell’Unione Europea hanno segnato un progresso del 3,8% in volume e del 6% in valore, con un aumento in termini di vendita di oltre 1 milione di euro. Questo nonostante il prezzo degli olii Dop sia di oltre 10 euro al litro.
La sorpresa deriva da due elementi principali: il primo è legato proprio al prezzo unitario al litro, nettamente superiore a quello dell’olio extravergine comune, mentre il secondo elemento inatteso è relativo all’aumento delle vendite di olio Dop, che stride con la flessione generale nelle vendite nel settore. Una diminuzione in media del 6%, con l’olio biologico e quello ‘italiano’ – quelli più ‘vicini’ al Dop – che hanno fatto registrare flessioni a tratti marcate: 2,5% per l’italiano e addirittura del 10% per quello biologico.
Le aree di diffusione, poi, offrono ulteriori spunti di riflessione. Se al Sud il consumo di olii Dop e Igt è sostanzialmente invariato, al Nord l’aumento negli acquisti è vistoso, tanto da trainare i risultati del segmento di mercato.
La ragione, fanno notare i responsabili Uniprol, è da ricercare nella lontananza dai centri di produzione. Se nelle aree in cui l’olio è produzione consolidata, i residenti utilizzano canali e strumenti propri per effettuare le proprie scelte, nelle altre aree i consumatori si affidano a certificazioni autorevoli. Più delle promesse di un olio ‘biologico, ‘naturale’ o ‘100% italiano’, appunto il marchio Dop dell’Unione Europea.
Una piccola vittoria per chi crede fortemente nella tradizione secolare della propria area di origine, e un buono spunto di riflessione per tutti quei privati o aziende che guardano più al prezzo che alla qualità.

Redazione Pizza.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ho letto e accetto le condizioni sulla privacy come da pagina interna del sito.

Nessun commento presente

Altri articoli

8 milioni di pizze al giorno. Cresce il consumo in casa

Otto milioni di pizza al giorno al giorno e altri numeri da capogiro. Se è vero, come afferma uno studio della CNA, che il consumo medio procapite è quasi...

Continua

Briatore e la pizza. Tensione con i pizzaioli dopo l’ultima polemica sul prezzo di vendita

“La pizza a 4 euro? Si vede che San Gennaro li aiuta a pagare i fitti, i contributi.” Dopo le polemiche innescate da Briatore arriva la risposta...

Continua

TUTTOPIZZA-A NAPOLI LA FIERA DEDICATA ALLA PIZZA

LA FIERA DOVE LA PIZZA E’ PROTAGONISTA. L’EVENTO SI SVOLGERA’ ALLA MOSTRA D’OLTREMARE DI NAPOLI DAL 23 AL 25 MAGGIO. PIZZA.IT E’...

Continua
Leggi tutti le notizie

Ultimi annunci

Offro Lavoro
Salve, cerco un pizzaiolo in Germania. Forno elettrico, pizza romana, con esperienza. Media pizze 80/100 , vitto e alloggio, 2000 euro. 351.8821833
26/11/2022

Vuoi aprire una pizzeria?

Se coltivate il sogno di aprire un vostro locale, Pizza.it è pronta ad assisterVi con tutta la sua esperienza mettendo a Vostra disposizione professionisti ed esperti del settore.
Il servizio è gratuito e comincia con l’invio di un semplice form nel quale avete l’occasione di spiegare vincoli ed obiettivi del vostro progetto.