Lucca, stop ai ristoranti etnici

Ha scatenato un vespaio il nuovo regolamento adottato dal Comune per bar, pizzerie e ristoranti.

Giro di vite gastronomico del Comune di Lucca. La giunta comunale ha infatti approvato il nuovo regolamento sugli esercizi di somministrazione di alimenti e bevande che prevede, tra l’altro, il no all’apertura di nuove pizzerie veloci, al taglio, così come kebab e ristoranti etnici. Immediate le polemiche.

La limitazione, secondo quanto deciso in consiglio comunale verrà applicata solo ed esclusivamente al centro storico, inteso come il territorio dentro i 4 km quadrati delle mura urbane, e riguarderà gli esercizi già esistenti o in caso di subentro.

Il nuovo regolamento è in pratica un aggiornamento di una precedente disposizione, assunta nel 2000 dal Comune di Lucca, che aveva individuato una serie di attività appartenenti al settore del commercio, artigianale e della somministrazione di alimenti e bevande, incompatibili con le esigenze di tutela e valorizzazione del patrimonio storico-ambientale e di qualificazione della zona più centrale della città.
A Lucca, come in moltissime città i locali hanno assunto il ruolo di luogo di ritrovo per i giovani, che spesso si fermano a chiacchierare fuori: il Comune ha voluto porre un freno anche a questo, prevedendo che sia il titolare a dover sorvegliare che gli avventori non consumino in strada ‘creando, con questo comportamento, raduni di persone che ostacolino il normale scorrimento veicolare e/o pedonale, impediscano il riposo dei cittadini nelle ore notturne, diano origine a risse e incidenti o ostruiscano il normale accesso alle abitazioni’.

Sempre il titolare, poi, dovrà aver cura che i giovani non vadano a sedersi sui gradini di monumenti, in luoghi destinati al culto nei pressi del locale o in luoghi di interesse storico, artistico o aree pubbliche. Un provvedimento che i giovani lucchesi non hanno accettato bene, tanto che già si sono sollevate le prime voci di protesta.

Non sono quindi mancati i consensi nè le polemiche , e riportiamo alcune dichiarazioni in merito.
Dice il presidente della provincia di Lucca
”La pur condivisibile esigenza di tutelare e valorizzare il nostro centro storico – sottolinea Baccelli – niente ha a che vedere con questo divieto, che anzi rischia di colpire in modo negativo la citta’. Nelle realta’ urbane di tutto il mondo sono oggi presenti ristoranti etnici che riscuotono il favore della gente contribuendo a richiamare visitatori e a garantire vitalita’ e sviluppo economico. Inoltre, fatto salvo ovviamente il rispetto delle normative che devono valere per tutti, impedire l’apertura di attivita’ gastronomiche che guardino ad altre culture, appare, anche in via di principio, discriminatorio. E suona tanto piu’ odioso – conclude Baccelli – per noi italiani, che, pensiamo solo alla pizza, abbiamo riempito il mondo di pizzerie ‘Bella Napoli’ e ‘Italia”’.
Contro il regolamento adottato a Lucca si schiera anche l’Adoc, Associazione per la difesa e l’orientamento dei consumatori, secondo cui si attua una violazione della concorrenza.« Non condividiamo la scelta del comune di Lucca di discriminare i ristoranti etnici – dichiara Carlo Pileri, presidente dell’Adoc – in quanto si realizza una violazione del libero mercato e della concorrenza. Capiamo lo sforzo di tutelare le tradizioni locali e i piccoli esercizi, ma crediamo che sia più opportuno prevedere interventi fiscali di sostegno e bloccare il costo degli affitti dei locali, dai ristoranti tipici alle botteghe artigianali ai mercati rionali, che mantengono viva la memoria storica delle città. È necessario salvaguardare questo settore del commercio, sempre più in crisi, anche per prevenire un impoverimento economico e culturale dei comuni stessi, ma operando sempre nel rispetto della concorrenza e delle regole di mercato».
«Mi sembra una norma chiara, applicabile anche in Lombardia – afferma il consigliere regionale Carlo Saffioti- bisogna tutelare le nostre città, affinché non diventino mercati all’aperto tipo Rimini».
Il regolamento toscano è molto simile a quello proposto da tempo da un altro consigliere regionale lombardo, Daniele Belotti. «Io l’ho copiato da loro perché sono molto bravi – spiega. Al di là delle ideologie, la domanda è sempre la stessa. Si vuole tutelare il tessuto storico urbanistico e commerciale della città antica oppure si vuole che possa aprire qualsiasi tipo di attività anche in piazze prestigiose delle quali si tutela addirittura il colore delle tende o dei tavolini dei bar? Un ristorante cinese o un sexy shop migliorerebbero il fascino di piazza Vecchia a Bergamo?».

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Ho letto e accetto le condizioni sulla privacy come da pagina interna del sito.

Nessun commento presente

Altri articoli

Briatore e la pizza. Tensione con i pizzaioli dopo l’ultima polemica sul prezzo di vendita

“La pizza a 4 euro? Si vede che San Gennaro li aiuta a pagare i fitti, i contributi.” Dopo le polemiche innescate da Briatore arriva la risposta...

Continua

TUTTOPIZZA-A NAPOLI LA FIERA DEDICATA ALLA PIZZA

LA FIERA DOVE LA PIZZA E’ PROTAGONISTA. L’EVENTO SI SVOLGERA’ ALLA MOSTRA D’OLTREMARE DI NAPOLI DAL 23 AL 25 MAGGIO. PIZZA.IT E’...

Continua

Pizza senza lievito: sperimentato il metodo all’Università Federico II di Napoli

L’uso della reologia per preparare l’impasto della pizza rinunciando al lievito. L’esperimento, il cui procedimento è stato pubblicato ieri...

Continua
Leggi tutti le notizie

Ultimi annunci

Offro Lavoro
Cercasi Cameriere con esperienza per Ristorante in sud Germania. Serietà e responsabilità. Disponibile anche alloggio. Buona conoscenza del tedesco. +491796064254
26/09/2022
Offro Lavoro
Cercasi pizzaiolo per pizzeria takeaway in Norvegia. Paga intorno alle 20 euro orarie lorde. Disponibilità di una stanza in appartamento condiviso con contributo di affitto. Contattare solo se disponibili nell’immediato. Scrivere su WhatsApp al numero +393408965460.
26/09/2022
Offro Locali e licenze
Opportunità per apertura Pizzeria Ristorante in Bucarest Romania. Opzioni aperte per acquisto o società. Posizione eccellente sul più frequentato mercato in Bucarest. Attrezzature e posizione già tutto pronto a partire. Per contatti amaluigi@yahoo.it +393911030049
25/09/2022

Vuoi aprire una pizzeria?

Se coltivate il sogno di aprire un vostro locale, Pizza.it è pronta ad assisterVi con tutta la sua esperienza mettendo a Vostra disposizione professionisti ed esperti del settore.
Il servizio è gratuito e comincia con l’invio di un semplice form nel quale avete l’occasione di spiegare vincoli ed obiettivi del vostro progetto.