A Napoli la pizza va al Presidente degli Stati Uniti

La storia di una delle pizzerie più antiche di fama...presidenziale

Siamo al cospetto del nuovo presidente degli Stati Uniti. Soddisfatti o meno, è stata dura non prendere posizione durante la campagna elettorale più mediatica della storia. Naturalmente più si è estroversi meno si riesce ad astenersi da un sano “tifo” casereccio e a Napoli, per esempio, dopo la pizza Lavezzi già imperversa quella Obama, ideata in pieno clima elettorale da Carmine Mauro dell’Associazione Pizzaioli Napoletani. Ma la città non è nuova a questo tipo di creatività: nel tempio della pizza che sorge nella più antica via della città, via dei Tribunali (decumano maggiore), la pizza aveva già acquisito una veste per così dire “presidenziale”…Nella lontana era Clinton, infatti, proprio Bill si trovava a passeggio nel cuore di Napoli quando il caso lo portò ad assaggiare una tipica margherita d’asporto – o “a libretto” come vuole la tradizione – presso la celebre Pizzeria Friggitoria Di Matteo…
Dal 1936 fino ai giorni nostri, due generazioni si sono avvicendate nella gestione di questa attività che ha mantenuto inalterati l’aspetto e lo spirito originari. La fila in strada per comprare pizze e fritti al banco, così come il forno a legna e la grande pentola colma d’olio dove si frigge praticamente di tutto, restano simboli di una tradizione culinaria che non vuol saperne di scomparire. Conversando con il proprietario storico, Nicola Di Matteo, figlio di quel Salvatore che diede avvio alla friggitoria, e con un cliente affezionato, i tempi del successo intorno agli anni Cinquanta tornano con estrema facilità e forse solo la suoneria di qualche cellulare può ricordare che via dei Tribunali, nonostante il mercato che invade la strada e gli splendidi contorni storici, non è più quella degli inizi.
Signor Di Matteo, la sua pizzeria ora in gestione agli uomini che da sempre lavorano con lei, è un locale storico dove i napoletani vengono a consumare una delle più antiche pizze fritte di Napoli. Cos’è cambiato dal 1949 quando iniziò a lavorare con suo padre a soli sei anni?
– “Ero un ragazzino e da allora non ho più smesso di lavorare qui. Siamo nati come friggitoria, facevamo essenzialmente pesce fritto, la “mazzanna” (fritto misto) e alici fritte. Una porzione costava 30 lire. Col tempo iniziammo anche a friggere palline di pasta di pizza condite con pomodoro e formaggio, fiori di zucca e melanzane, arancini e supplì. La pizza al forno l’abbiamo introdotta esattamente il 19 settembre del 1965, giorno di San Gennaro”.
Questo posto è famoso per una specialità tipicamente napoletana, la pizza fritta. Qual è la ricetta autentica?
-“Il segreto è nell’olio. Deve essere di arachide o di girasole, in quantità abbondante e bollente ma non deve superare i 220 gradi. Va cambiato spesso in modo che la frittura non risulti né grassa né pesante. Per la farcitura ci si può sbizzarrire. La nostra ricetta prevede ricotta, pomodoro, provola e “ciccioli” (pezzetti di carne di maiale), ma viene molto bene anche con i “friarielli” (broccoletti napoletani)”.
Qui lavorano una ventina di persone per un totale di 150 posti a sedere, senza contare quindi le persone che sono in fila per strada ed acquistano direttamente al bancone le celebri margherite da asporto che tanto piacquero a Bill Clinton quando venne a farvi visita. In un locale che ha raddoppiato la sua capienza, la pizza sembra essere l’unica cosa che negli anni è rimasta la stessa…
-“Se considera che inizialmente facevamo solo margherite marinare e calzoni mentre oggi abbiamo più di 30 tipi diversi, la pizza è cambiata. Ma è la gente ad essere divenuta più esigente, la pizza resta una bontà estremamente semplice”.
Incline alla citazione dialettale, ma preciso e con una memoria invidiabile, Nicola Di Matteo ondeggia tra le circa 800 pizze che vengon sfornate ogni giorno con la sicurezza del padrone di casa. E con la consapevolezza, potremmo aggiungere, di aver offerto con estrema cura per più di cinquant’anni un servizio di qualità e calore.

Antica Pizzeria e Friggitoria Di Matteo
Tel:081-45.52.62.
www.pizzeriadimatteo.it

[i.m.]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ho letto e accetto le condizioni sulla privacy come da pagina interna del sito.

Nessun commento presente

Altri articoli

8 milioni di pizze al giorno. Cresce il consumo in casa

Otto milioni di pizza al giorno al giorno e altri numeri da capogiro. Se è vero, come afferma uno studio della CNA, che il consumo medio procapite è quasi...

Continua

Briatore e la pizza. Tensione con i pizzaioli dopo l’ultima polemica sul prezzo di vendita

“La pizza a 4 euro? Si vede che San Gennaro li aiuta a pagare i fitti, i contributi.” Dopo le polemiche innescate da Briatore arriva la risposta...

Continua

TUTTOPIZZA-A NAPOLI LA FIERA DEDICATA ALLA PIZZA

LA FIERA DOVE LA PIZZA E’ PROTAGONISTA. L’EVENTO SI SVOLGERA’ ALLA MOSTRA D’OLTREMARE DI NAPOLI DAL 23 AL 25 MAGGIO. PIZZA.IT E’...

Continua
Leggi tutti le notizie

Ultimi annunci

Cerco Lavoro
salve mi chiamo vincenzo cerco lavoro come pizzaiolo ho 43 anni e 27 di esperienza sono serio e rersponsabile non fumo e non ho vizi uso forno a legna e gas sono interessato solo a persone serie
03/12/2022
Cerco Lavoro
Salve ,cerco lavoro come pizzaiolo con alloggio da solo, ho 35 anni e faccio il mestiere del pizzaiolo da 16 anni, posso lavorare in team ma preferisco lavorare da solo, dell’impasto alla cottura della pizza, esperienza con ogni tipo di forni e impasti , grazie. 327.5965710
02/12/2022
Cerco Lavoro
Pizzaiolo 42Enne Romano,abile con 20ennale esperienza,cerca lavoro fisso o stagionale presso pizzeria in italia o all’estero dove si lavora con pizza classica o Napoletana.Offresi e richiedesi massima serieta’…Grazie!
01/12/2022

Vuoi aprire una pizzeria?

Se coltivate il sogno di aprire un vostro locale, Pizza.it è pronta ad assisterVi con tutta la sua esperienza mettendo a Vostra disposizione professionisti ed esperti del settore.
Il servizio è gratuito e comincia con l’invio di un semplice form nel quale avete l’occasione di spiegare vincoli ed obiettivi del vostro progetto.