Spagna e Italia: paese che vai, olio extravergine che trovi

Sono addirittura 39 le Dop certificate che nascono in Italia a cui si deve aggiungere anche una Igt. Tra le regioni maggiormente premiate dal bollino blu la Puglia, l’Umbria, la Toscana, la Campania, la Sicilia e l’Abruzzo.

Assumono proporzioni sempre più vaste due realtà che certificano l’alto livello di qualità raggiunto da Italia e Spagna dal comparto olivicolo.
Ma se per Spagna l’olio biologico conquista sempre più terreno in tutta Europa, arrivando perfino in Grecia, per l’Italia l’olio extravergine dop e igt ha problemi di visibilità.

La Spagna sta vivendo un momento di grande espansione. Sebbene il suo territorio concentri le coltivazioni ad olivo esclusivamente in due regioni (Extremadura e Andalusia), la produzione è decisamente prolifica. Il mercato dell’olio biologico, poi, vede aumentare il suo successo di anno in anno: ad oggi viene esportato in 31 paesi, e il principale importatore è la Francia con 2 milioni di chili. La sorpresa, però, è nel nome del secondo maggiore importatore di olio spagnolo, ovvero l’Italia. Il nostro paese, pur essendo un grande produttore di olio di qualità, acquista dalla Spagna oltre un milione di chili, quantitativo immensamente maggiore rispetto a quello dell’anno precedente, il 2006, quando i chili importati erano stati poco più che trentamila.
Come mai tanto successo? Il prezzo. In Spagna i costi di produzione sono decisamente meno elevati rispetto a paesi come il nostro, anche a dispetto della qualità.
Ed è proprio la qualità il grande vanto delle olive italiane. Sono addirittura 39 le Dop certificate che nascono sul territorio del Belpaese, a cui si deve aggiungere anche una Igt. Tra le regioni maggiormente premiate dal bollino blu la Puglia, l’Umbria, la Toscana, la Campania, la Sicilia e l’Abruzzo.
Ma per così tante denominazioni di origine protetta, per così tante olive di qualità, i problemi sono tanti: prima di tutto i costi elevati, necessari per mantenere alto lo standard qualitativo, e quindi l’aspetto promozionale. Troppa frammentazione e troppa diluizione sul territorio impediscono una promozione omogenea di oli di qualità che meriterebbero invece grande attenzione. Quella qualità di cui si sente più disperatamente bisogno.

Il falso olio extravergine sequestrato l’altro ieri dai Nas premia la linea intrapresa dall’Italia, che obbliga di indicare la provenienza delle olive in etichetta e che bisogna far rispettare per evitare che in Italia sia spacciato come “Made in Italy” l’olio spremuto da olive spagnole, greche e tunisine. Questo è’ quanto afferma la Coldiretti che ha applaudito l’operazione dei carabinieri dei Nas, volta a smascherare la produzione e distribuzione nazionale, e non, di olio extravergine sofisticato e contraffatto.

Redazione Pizza.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ho letto e accetto le condizioni sulla privacy come da pagina interna del sito.

Nessun commento presente

Altri articoli

8 milioni di pizze al giorno. Cresce il consumo in casa

Otto milioni di pizza al giorno al giorno e altri numeri da capogiro. Se è vero, come afferma uno studio della CNA, che il consumo medio procapite è quasi...

Continua

Briatore e la pizza. Tensione con i pizzaioli dopo l’ultima polemica sul prezzo di vendita

“La pizza a 4 euro? Si vede che San Gennaro li aiuta a pagare i fitti, i contributi.” Dopo le polemiche innescate da Briatore arriva la risposta...

Continua

TUTTOPIZZA-A NAPOLI LA FIERA DEDICATA ALLA PIZZA

LA FIERA DOVE LA PIZZA E’ PROTAGONISTA. L’EVENTO SI SVOLGERA’ ALLA MOSTRA D’OLTREMARE DI NAPOLI DAL 23 AL 25 MAGGIO. PIZZA.IT E’...

Continua
Leggi tutti le notizie

Ultimi annunci

Offro Lavoro
Salve, cerco un pizzaiolo in Germania. Forno elettrico, pizza romana, con esperienza. Media pizze 80/100 , vitto e alloggio, 2000 euro. 351.8821833
26/11/2022

Vuoi aprire una pizzeria?

Se coltivate il sogno di aprire un vostro locale, Pizza.it è pronta ad assisterVi con tutta la sua esperienza mettendo a Vostra disposizione professionisti ed esperti del settore.
Il servizio è gratuito e comincia con l’invio di un semplice form nel quale avete l’occasione di spiegare vincoli ed obiettivi del vostro progetto.