Stella Artois-Budweiser nuovo colosso della birra?

Il gigante belga InBev, secondo produttore di birra al mondo, avrebbe pronta un’offerta da 46 miliardi di dollari per l’acquisizione di Anheuser-Busch, proprietaria del marchio Budweiser.

Per certi versi, a sentir parlare di cifre così grandi e di movimenti finanziari a tratti incomprensibili, ci sentiamo piccoli piccoli. Ma accade, di questi tempi sempre più spesso, di assistere a fusioni, acquisizioni e alleanze strategiche che assomigliano più al gioco del Risiko che alla realtà.
Invece, complice un riassetto globale in numerosi comparti industriali, anche il mondo della birra si muove. La InBev, potentissima azienda produttrice di birra – seconda al mondo dopo SabMiller e proprietaria, tra gli altri, del marchio Stella Artois –, pare aver preparato un’offerta da 46 miliardi di dollari, pari a 65 euro per azione, per l’acquisizione di Anheuser-Busch, leader del mercato americano grazie soprattutto al brand Budweiser. La notizia per ora non ha avuto conferme ufficiali.
Se però l’offerta ci fosse e andasse a buon fine, nascerebbe un colosso da 20 miliardi di dollari di fatturato annui, pari ad un quarto dell’intero mercato di birra.
La ragione della fusione è presto detta: InBev domina il mercato europeo e comincia ad avere forti interessi in Oriente, mentre Anheuser-Busch non ha rivali in Nordamerica e in America Latina che, assieme all’Asia è un mercato in forte espansione. C’è inoltre chi giura che esista anche una ragione di orgoglio, per InBev, da poco scalzata da SabMiller quale leader mondiale del mercato.
Questa possibile operazione non è che l’ultima di una serie di movimenti realizzati in questi mesi nel mondo della birra, dove Heineken e Carlsberg hanno agganciato Scottish&Newcastle, capofila incontrastato in Gran Bretagna, o dove SabMiller ha conquistato la vetta mondiale grazie ad una serie di acquisizioni strategiche.
La lotta si annuncia senza esclusione di colpi, grazie ai vantaggi che i grandi produttori possono trarre dalla globalizzazione e all’apertura di nuovi mercati. Con la speranza che, oltre al fatturato, si insegua anche la qualità.

Redazione Pizza.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ho letto e accetto le condizioni sulla privacy come da pagina interna del sito.

Nessun commento presente

Altri articoli

8 milioni di pizze al giorno. Cresce il consumo in casa

Otto milioni di pizza al giorno al giorno e altri numeri da capogiro. Se è vero, come afferma uno studio della CNA, che il consumo medio procapite è quasi...

Continua

Briatore e la pizza. Tensione con i pizzaioli dopo l’ultima polemica sul prezzo di vendita

“La pizza a 4 euro? Si vede che San Gennaro li aiuta a pagare i fitti, i contributi.” Dopo le polemiche innescate da Briatore arriva la risposta...

Continua

TUTTOPIZZA-A NAPOLI LA FIERA DEDICATA ALLA PIZZA

LA FIERA DOVE LA PIZZA E’ PROTAGONISTA. L’EVENTO SI SVOLGERA’ ALLA MOSTRA D’OLTREMARE DI NAPOLI DAL 23 AL 25 MAGGIO. PIZZA.IT E’...

Continua
Leggi tutti le notizie

Ultimi annunci

Offro Lavoro
Salve, per la pizzeria italiana situata a Quebec, una delle città più belle del Canada, cerca dei giovani pizzaioli talentuosi con esperienza. Per candidature con CV e qualsiasi altre informazioni contattare al seguente indirizzo e-mail: pizzacanadian22@gmail.com Distinti saluti
05/12/2022
Cerco Lavoro
Buongiorno mi chiamo Francesco sono un pizzaiolo interessato a lavorare in Austria ho già avuto esperienze in merito il mio numero è il seguente+393716163759
05/12/2022
Cerco Lavoro
salve mi chiamo vincenzo cerco lavoro come pizzaiolo ho 43 anni e 27 di esperienza sono serio e rersponsabile non fumo e non ho vizi uso forno a legna e gas sono interessato solo a persone serie
03/12/2022

Vuoi aprire una pizzeria?

Se coltivate il sogno di aprire un vostro locale, Pizza.it è pronta ad assisterVi con tutta la sua esperienza mettendo a Vostra disposizione professionisti ed esperti del settore.
Il servizio è gratuito e comincia con l’invio di un semplice form nel quale avete l’occasione di spiegare vincoli ed obiettivi del vostro progetto.