VINO: cocktail al veleno per 70 milioni di litri. Scoppia il caso Velenitaly mentre a Verona prende il via Vinitaly

Concimi, sostanze cancerogene, acqua, zucchero, acido muriatico e solo un quinto di mosto. Con questo miscuglio sono stati prodotti 70 milioni di litri di vino a basso costo. Venduti in tutta Italia. Brunello, sequestro Castello Banfi

In concomitanza con l’avvio dell’ edizione 2008 di Vinitaly di Verona scoppia il caso ” Velenitaly “.
Concimi, sostanze cancerogene, acqua, zucchero, acido muriatico e un quinto di mosto: questo il ‘cocktail al veleno’ con cui sono stati prodotti 70 milioni di litri di vino a basso costo, venduti in tutta Italia. E’ quello che viene definito ‘Velenitaly’, lo scandalo enologico e sanitario raccontato in uno speciale che uscirà domani su L’Espresso.

L’articolo illustra un sistema industriale di contraffazione che parte dalla criminalità organizzata per alimentare le grandi cantine: le aziende coinvolte nello scandalo, racconta , sono già 20 di cui otto al Nord e il resto sparso tra Puglia e Sicilia. Ma l’indagine è tutt’ora in corso e, scrive L’Espresso, “assume una dimensione di alto impatto per l’economia italiana, con il rischio di un danno d’immagine ben più grave di quello provocato dall’allarme sulla bufala”. Inoltre, nonostante i sequestri, molte delle bottiglie sotto inchiesta sarebbero tutt’ora “pericolosamente in commercio”.

Brunello, sequestro Castello Banfi
Provvedimento riguarda 600mila bottiglie e 10 vitigni

L’annata 2003 del brunello di Montalcino di Castello Banfi,600 mila bottiglie,e 10 vitigni sono stati sequestrati dalla magistratura senese. L’ipotesi e’ quella di frode in commercio. La notizia, anticipata questa mattina dal ‘Corriere Fiorentino’, e’ stata confermata dall’ad dell’azienda, Enrico Viglierchio, destinatario, insieme ad un altro manager della societa’, Remo Grassi, di un avviso di garanzia.

Per concludere:
Il celebre vino fatto con altre uve. Il Chianti allungato con rosso d’Abruzzo. Il Passito sotto processo. L’olio tunisino spacciato per italiano. E l’aceto di Modena che nasce ad Afragola,vicino Napoli. Così viene distrutta la credibilità dei prodotti più prestigiosi
La grande truffa dei marchi made in Italy non riguarda solo le devastanti sofisticazioni che danneggiano la salute, ma anche la presunta qualità dei brand più prestigiosi del nostro mercato agroalimentare.
Gli ultimi dati del ministero delle Politiche agricole sono sconfortanti: l’8,5 per cento dei campioni analizzati in vari settori sono ‘irregolari’, frutto cioè di alterazioni e sofisticazioni di ogni genere. Il picco negativo è nell’ortofrutta: un prodotto su tre viola la legge.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Ho letto e accetto le condizioni sulla privacy come da pagina interna del sito.

Nessun commento presente

Altri articoli

Briatore e la pizza. Tensione con i pizzaioli dopo l’ultima polemica sul prezzo di vendita

“La pizza a 4 euro? Si vede che San Gennaro li aiuta a pagare i fitti, i contributi.” Dopo le polemiche innescate da Briatore arriva la risposta...

Continua

TUTTOPIZZA-A NAPOLI LA FIERA DEDICATA ALLA PIZZA

LA FIERA DOVE LA PIZZA E’ PROTAGONISTA. L’EVENTO SI SVOLGERA’ ALLA MOSTRA D’OLTREMARE DI NAPOLI DAL 23 AL 25 MAGGIO. PIZZA.IT E’...

Continua

Pizza senza lievito: sperimentato il metodo all’Università Federico II di Napoli

L’uso della reologia per preparare l’impasto della pizza rinunciando al lievito. L’esperimento, il cui procedimento è stato pubblicato ieri...

Continua
Leggi tutti le notizie

Ultimi annunci

Offro Locali e licenze
Opportunità per apertura Pizzeria Ristorante in Bucarest Romania. Opzioni aperte per acquisto o società. Posizione eccellente sul più frequentato mercato in Bucarest. Attrezzature e posizione già tutto pronto a partire. Per contatti amaluigi@yahoo.it +393911030049
25/09/2022
Cerco Lavoro
cell 3332479956 pizzaiolo cerca lavoro in germania
25/09/2022
Offro Lavoro
Ristorante in germania cerca un pizzaiolo italiano esperto in pizza napoletana con forno a legna.si offre vitto e alloggio. Whatsapp 00 49 151 71194736
25/09/2022

Vuoi aprire una pizzeria?

Se coltivate il sogno di aprire un vostro locale, Pizza.it è pronta ad assisterVi con tutta la sua esperienza mettendo a Vostra disposizione professionisti ed esperti del settore.
Il servizio è gratuito e comincia con l’invio di un semplice form nel quale avete l’occasione di spiegare vincoli ed obiettivi del vostro progetto.