Forni a legna: decreto per ridurre l’inquinamento

Un decreto,che entrerà in vigore in autunno, proibisce l’uso del carbone e della carbonella. Potrebbe essere vietata la cottura a legna.

Riduzione dell’inquinamento dei forni a legna, sotto accusa carbone e carbonella

Ci risiamo: ancora una volta ci troviamo a dover riportare la notizia che prevede una brutta fine per i forni a legna.
Il motivo? Inquinerebbero troppo; ed il rispetto, da parte dei titolari di pizzerie, dei limiti di emissione previsti dal decreto, comporterebbero, per questi ultimi, ulteriori costi e perdite di tempo (libretti di impianto-certificazioni ecc..) tali da farli propendere per l’utilizzo del forno elettrico.
Questo è quanto afferma l’ Unione Nazionale Consumatori.

L’ultima volta che normative UE , mentre questa volta è colpa di un decreto del presidente del Consiglio dei ministri (8-3-2002) entrato in vigore lo scorso marzo: l’articolo 6, comma 6, il quale prevede che i forni a legna di «mense, e altri pubblici esercizi destinati alla ristorazione» non devono sporcare l’aria e sono obbligati a rispettare determinati livelli di emissioni.
Sotto accusa gli ossidi di azoto, di carbonio, composti di cloro e altri.
I limiti di emissioni previsti dal provvedimento sono fissati a seconda della potenza complessiva dell’impianto e vanno da 150 a 100 milligrammi per metro cubo per l’ossido di carbonio; da 300 a 200 per gli ossidi di azoto; da 30 a 20 per il carbonio organico totale; 30 i milligrammi per metro cubo per i composti inorganici del cloro sotto forma di gas o vapori. Ristoranti e pizzerie che non dispongono di forni a legna ”ecologici” dovranno rinunciare al loro uso.
Entro il marzo 2006, secondo il decreto, i forni a legna dovranno essere adeguati a severi ”requisiti tecnici e costruttivi”. Inoltre, dal primo settembre prossimo, saranno vietati i forni a carbone e carbonella, «ma non è chiaro – dice l’Unione Consumatori – se questi combustibili potranno continuare a essere usati nelle grigliate dei camini di ristoranti e altri esercizi pubblici o mense collettive».

Va detto che, in virtù di una tradizione irrinunciabile, l’Unione consumatori e gli esercenti chiedono una deroga.
«Proibire o impedire l’utilizzo dei forni a legna per la cottura di pane e pizza, il cui riconoscimento dop deriva proprio da questo tipo di cottura, significa andare verso un mondo di prodotti industriali e standardizzati – dice Edi Sommariva, direttore generale di Fipe-Confcommercio – a danno delle tradizioni agroalimentari e delle tipicità del territorio condannate in questo modo a scomparire. È proprio a tutela della cultura culinaria da offrire al consumatore che concordiamo con la richiesta di una deroga per i forni a legna di ristoranti, pizzerie e panifici già così rari».
«Abbiamo avuto rassicurazione da parte delle imprese produttrici di forni a legna – sostiene l’avvocato della Fipe, Marcello Fiore – che i valori delle emissioni sono sotto i limiti fissati dal decreto. Non sono forni di acciaierie che funzionano a ciclo continuato. Questi forni hanno un tempo limitato e non consentono di arrivare a quei livelli».

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ho letto e accetto le condizioni sulla privacy come da pagina interna del sito.

Nessun commento presente

Altri articoli

8 milioni di pizze al giorno. Cresce il consumo in casa

Otto milioni di pizza al giorno al giorno e altri numeri da capogiro. Se è vero, come afferma uno studio della CNA, che il consumo medio procapite è quasi...

Continua

Briatore e la pizza. Tensione con i pizzaioli dopo l’ultima polemica sul prezzo di vendita

“La pizza a 4 euro? Si vede che San Gennaro li aiuta a pagare i fitti, i contributi.” Dopo le polemiche innescate da Briatore arriva la risposta...

Continua

TUTTOPIZZA-A NAPOLI LA FIERA DEDICATA ALLA PIZZA

LA FIERA DOVE LA PIZZA E’ PROTAGONISTA. L’EVENTO SI SVOLGERA’ ALLA MOSTRA D’OLTREMARE DI NAPOLI DAL 23 AL 25 MAGGIO. PIZZA.IT E’...

Continua
Leggi tutti le notizie

Ultimi annunci

Offro Lavoro
Salve, per la pizzeria italiana situata a Quebec, una delle città più belle del Canada, cerca dei giovani pizzaioli talentuosi con esperienza. Per candidature con CV e qualsiasi altre informazioni contattare al seguente indirizzo e-mail: pizzacanadian22@gmail.com Distinti saluti
05/12/2022
Cerco Lavoro
Buongiorno mi chiamo Francesco sono un pizzaiolo interessato a lavorare in Austria ho già avuto esperienze in merito il mio numero è il seguente+393716163759
05/12/2022
Cerco Lavoro
salve mi chiamo vincenzo cerco lavoro come pizzaiolo ho 43 anni e 27 di esperienza sono serio e rersponsabile non fumo e non ho vizi uso forno a legna e gas sono interessato solo a persone serie
03/12/2022

Vuoi aprire una pizzeria?

Se coltivate il sogno di aprire un vostro locale, Pizza.it è pronta ad assisterVi con tutta la sua esperienza mettendo a Vostra disposizione professionisti ed esperti del settore.
Il servizio è gratuito e comincia con l’invio di un semplice form nel quale avete l’occasione di spiegare vincoli ed obiettivi del vostro progetto.