A rischio la birra europea: colpa del global warming

A repentaglio i raccolti di luppolo, che ha diminuito le rese a causa dei cambiamenti climatici

Sono ancora i cambiamenti climatici a mettere a repentaglio i raccolti. Questa volta in pericolo è il luppolo, che a causa del global warming ha diminuito le rese. A risentirne potrebbe essere la produzione di birra europea.
Continua a creare enormi grattacapi il problema sempre più urgente del riscaldamento del pianeta. La questione, entrata nel nostro quotidiano attraverso le notizie che appaiono su tutti i media, ora interessa un nuovo ambito.
A lanciare i primi segnali, sono stati i principali scienziati che si interessano all’innalzamento delle temperature del pianeta. Il 5 maggio scorso dal Museo del Luppolo di Wolnzach in Germania, il gruppo ha dichiarato che i cambiamenti climatici potrebbero ora mettere a rischio anche le coltivazioni di luppolo, e di conseguenza la produzione europea di birra.
La pianta del luppolo, elemento di base per la produzione di birra, per crescere al meglio necessita di inverni molto rigidi ed estati assolate. Queste caratteristiche si ritrovano principalmente nelle regioni settentrionali d’Europa, che però negli ultimi anni hanno visto un mutamento delle condizioni climatiche. L’innalzamento delle temperature medie e le primavere sempre più anticipate hanno così fatto crollare le rese di luppolo e messo a repentaglio la qualità della birra europea.
La prospettiva per questa coltivazione, secondo la rivista Nature, è stata delineata dagli stessi ricercatori: dovranno essere cercate varietà resistenti ai climi caldi in paesi extraeuropei ed individuati nuovi metodi di irrigazione.
Alcuni spunti, gli scienziati li potrebbero prendere dagli Stati Uniti, dove l’irrigazione del luppolo è una realtà solida. Gli Usa, a loro volta, potrebbero richiedere soluzioni efficaci al sopraggiungere di un nuovo problema: la carenza di malto.

Redazione Pizza.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ho letto e accetto le condizioni sulla privacy come da pagina interna del sito.

Nessun commento presente

Altri articoli

8 milioni di pizze al giorno. Cresce il consumo in casa

Otto milioni di pizza al giorno al giorno e altri numeri da capogiro. Se è vero, come afferma uno studio della CNA, che il consumo medio procapite è quasi...

Continua

Briatore e la pizza. Tensione con i pizzaioli dopo l’ultima polemica sul prezzo di vendita

“La pizza a 4 euro? Si vede che San Gennaro li aiuta a pagare i fitti, i contributi.” Dopo le polemiche innescate da Briatore arriva la risposta...

Continua

TUTTOPIZZA-A NAPOLI LA FIERA DEDICATA ALLA PIZZA

LA FIERA DOVE LA PIZZA E’ PROTAGONISTA. L’EVENTO SI SVOLGERA’ ALLA MOSTRA D’OLTREMARE DI NAPOLI DAL 23 AL 25 MAGGIO. PIZZA.IT E’...

Continua
Leggi tutti le notizie

Ultimi annunci

Offro Lavoro
Salve, per la pizzeria italiana situata a Quebec, una delle città più belle del Canada, cerca dei giovani pizzaioli talentuosi con esperienza. Per candidature con CV e qualsiasi altre informazioni contattare al seguente indirizzo e-mail: pizzacanadian22@gmail.com Distinti saluti
05/12/2022
Cerco Lavoro
Buongiorno mi chiamo Francesco sono un pizzaiolo interessato a lavorare in Austria ho già avuto esperienze in merito il mio numero è il seguente+393716163759
05/12/2022
Cerco Lavoro
salve mi chiamo vincenzo cerco lavoro come pizzaiolo ho 43 anni e 27 di esperienza sono serio e rersponsabile non fumo e non ho vizi uso forno a legna e gas sono interessato solo a persone serie
03/12/2022

Vuoi aprire una pizzeria?

Se coltivate il sogno di aprire un vostro locale, Pizza.it è pronta ad assisterVi con tutta la sua esperienza mettendo a Vostra disposizione professionisti ed esperti del settore.
Il servizio è gratuito e comincia con l’invio di un semplice form nel quale avete l’occasione di spiegare vincoli ed obiettivi del vostro progetto.