Storia del transpomodoro, il super pomodoro ogm

Sono passati 10 anni da Flavr Savr, il primo pomodoro transgenico prodotto in California dalla Calgene.


Quella degli ogm è una diatriba che va avanti da molti anni. Tanti, secondo la percezione del nostro mondo dominato dall’istantaneità, meno se andiamo a leggere gli eventi con attenzione.
Sono passati infatti 10 anni da Flavr Savr, il primo pomodoro transgenico prodotto in California dalla Calgene. Flavr Savr era un pomodoro, anzi un super-pomodoro: resisteva di più al deterioramento, durando molto più dei suoi fratelli ‘naturali’.
Non vogliamo addentrarci troppo nella discussione, che più che per giornalisti è per grandi esperti del settore. Certo è che a dieci anni di distanza la discussione è ancora molto accesa tra chi difende a spada tratta la naturalità, la coltivazione di prodotti della terra fatta completamente al naturale (il biologico, insomma), e chi, invece, non scorge grosse insidie nell’apporto sempre maggiore che la genetica e le biotecnologie stanno dando al primo settore. Tra l’esempio delle api che ‘mixano’ diversi soggetti del mondo vegetale e gli strenui sostenitori del naturale a tutti i costi, preferiamo non schierarci, lasciando spazio alla cronaca degli eventi.
In questi giorni, sul banco della Commissione Europea, ed in particolare su quello dei ministri dell’agricoltura europei, sono stati portati cinque nuovi prodotti ogm: un tipo di patata transgenica prodotta dalla Basf, il granturco della Sygenta e tre mais transgenici della Monsanto. La notizia è che questi non hanno ricevuto l’autorizzazione ad essere commercializzati; ciò però non impedirà la prosecuzione dell’iter, in quanto la procedura prevede che la Commissione possa andare avanti anche senza l’autorizzazione degli stati membri.
Questo ci riporta appunto a dieci anni fa, quando il transpomodoro comparve sugli scaffali dei supermercati ed ebbe un grande successo. Eppure dopo soli due anni viene improvvisamente ritirato dal commercio perché, nonostante non marcisse si rammolliva come gli altri. La Calgene andò in rosso per star dietro alla ricerca e la Monsanto la inglobò.
La storia, raccontata in maniera molto meticolosa da Blinda Martineau, biologa che fece parte del team del pomodoro transgenico, è decisamente esplicativa. Sebbene le promesse delle biotecnologie siano grandiose, sebbene i passi in avanti in questo senso siano stati tanti, è necessaria una costante prudenza nell’approcciarsi a questa delicata materia.
Molti consumatori non lo sanno, ma diversi alimenti che sono sulla loro tavola sono geneticamente modificati. Gli effetti di alcuni ogm non sono ancora certi, così come non è detto che tutti questi ‘nuovi’ prodotti siano nocivi. È necessaria cautela, tenendo ben saldo l’insegnamento dei nostri nonni, i quali ci dicevano che con la natura non si deve scherzare oltre un certo limite.

Altri articoli sul pomodoro
1) Le virtù del pomodoro, il nemico della vecchiaia
2) Il pomodoro proviene da…?

Alessandro Tibaldeschi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ho letto e accetto le condizioni sulla privacy come da pagina interna del sito.

Nessun commento presente

Altri articoli

8 milioni di pizze al giorno. Cresce il consumo in casa

Otto milioni di pizza al giorno al giorno e altri numeri da capogiro. Se è vero, come afferma uno studio della CNA, che il consumo medio procapite è quasi...

Continua

Briatore e la pizza. Tensione con i pizzaioli dopo l’ultima polemica sul prezzo di vendita

“La pizza a 4 euro? Si vede che San Gennaro li aiuta a pagare i fitti, i contributi.” Dopo le polemiche innescate da Briatore arriva la risposta...

Continua

TUTTOPIZZA-A NAPOLI LA FIERA DEDICATA ALLA PIZZA

LA FIERA DOVE LA PIZZA E’ PROTAGONISTA. L’EVENTO SI SVOLGERA’ ALLA MOSTRA D’OLTREMARE DI NAPOLI DAL 23 AL 25 MAGGIO. PIZZA.IT E’...

Continua
Leggi tutti le notizie

Ultimi annunci

Offro Lavoro
Ristorante familiale in Belgio, cerca coppia per lavoro in ristorante. Lei cameriera barista e lui cuoco pizzaiolo. Dal 1 aprile a fine septembre 2023. Persone serie e affidabili. Per maggiori info / 0032487156407 oppure inviare CV al lebellevue6830@gmail.com.
30/11/2022
Offro Lavoro
Per prossima apertura Birreria – Pizzeria in GABY nella Valle di Gressoney in Valle D’Aosta , siamo alla ricerca di una figura di pizzaiolo professionista. Il candidato che lavorerà in maniera autonoma ed indipendente dovrà: occuparsi della preparazione degli impasti, della stesura della pizza a mano nello stile tradizionale napoletano, della cottura della pizza in forno elettrico, della preparazione della linea, della pulizia e mantenimento della postazione lavorativa, del controllo degli ordini insieme al gestore. Orario lavorativo: 6 giorni a settimana – in settimana solo a cena , Sabato, Domenica e festività pranzo e cena. Per i candidati non
29/11/2022
Cerco Lavoro
12 anni di esperienza come pizzaiola e cuoca, autodidatta in acrobatica. Perfetto utilizzo di forni elettrici, a gas e legna. Ottima cura e manutenzione dei macchinari. Impasto diretto ed indiretto poolish. Sono in gamba, creativa e svelta, sono abituata a sfornare a ritmi veloci curando anche l’estetica del piatto. Esperienza lavorativa: – ITALIA – LONDRA – CORSICA – AUSTRALIA – FILIPPINE – QATAR Ho la massima gestione della mia area di lavoro e offro professionalità. Parlo perfettamente inglese e capisco francese, spagnolo, portoghese, arabo. NON FUMO. Aperta a lavorare in qualsiasi parte del mondo, richiedo un appartamento privato. 12
28/11/2022

Vuoi aprire una pizzeria?

Se coltivate il sogno di aprire un vostro locale, Pizza.it è pronta ad assisterVi con tutta la sua esperienza mettendo a Vostra disposizione professionisti ed esperti del settore.
Il servizio è gratuito e comincia con l’invio di un semplice form nel quale avete l’occasione di spiegare vincoli ed obiettivi del vostro progetto.